Il contratto di Di Paola, per ora un flop. In due mesi realizza solo il 60% delle promesse.

Il contratto di Di Paola, per ora un flop.  In due mesi realizza solo il 60% delle promesse.

“Prometto che se non riuscirò a mantenere le promesse indicate nel mio contratto con gli elettori, darò le dimissioni e convocherò l’assemblea elettiva straordinaria”: è l’impegno preso da Marco Di Paola con i suoi elettori, prima di diventare Presidente della F.I.S.E.. Un impegno sancito in una sorta di contratto di ispirazione berlusconiana, in cui prometteva una serie di cambiamenti da attuare entro scadenze precise: 60 giorni, 90 giorni e 120 giorni. Nei primi due mesi, stando al contratto, Di Paola ha realizzato il 60% di quanto aveva garantito, prima delle elezioni del 23 gennaio 2017. Il restante 40% è rimasto finora inevaso.

A questo dedichiamo la prima delle tre puntate (che saranno pubblicate entro questa settimana) sul contratto preelettorale di Di Paola, in modo da verificarne attuazioni e scadenze.

60 giorni

  • eliminazione quota annuale istruttori/IMPEGNO RISPETTATO

Delibera n. 132 del 20 febbraio 2017: “determinare a costo zero il tesseramento istruttori per coloro che rinnovano la autorizzazione a montare, e fissare a 30€ la quota di tesseramento per gli istruttori che non rinnovano l’autorizzazione a montare al fine di garantire la copertura assicurativa e mantenere il rapporto associativo con la Federazione”.

 

  • eliminazione della mora sui ritardati pagamenti delle affiliazioni/IMPEGNO NON RISPETTATO

Non è stato deliberato ancora nulla in merito, salvo il fatto che nel Progetto di revisione della disciplina delle Affiliazioni, viene proposto di escludere dalla Federazione Sport Equestri e dal CONI gli affiliati che non rinnovano entro il termine perentorio del 15 gennaio. La mora, di fatto, verrebbe eliminata con tali modalità. Tutto questo dal 2018.

 

  • riduzione a € 400 del costo del rinnovo della affiliazione con possibilità di pagare in 2 rate/IMPEGNO NON RISPETTATO

Come al punto precedente: nulla è stato deliberato (anche perché tecnicamente non sarebbe stato possibile al 24 gennaio – primo giorno utile dopo le elezioni – attuare tali modifiche); l’argomento viene citato nel Progetto di revisione della disciplina delle Affiliazioni, e la eventuale discussione rimandata al 2018.

 

  • riduzione del 50% per tutte le nuove affiliazioni effettuate nel secondo semestre dell’anno e del 75% per le nuove affiliazioni effettuate nell’ultimo trimestre/IMPEGNO NON RISPETTATO

Come sopra. Allo stato attuale, una nuova affiliata paga – a prescindere dal periodo dell’anno – il 50 % della quota di affiliazione, promozione deliberata dalla dirigenza Orlandi.

 

  • a carico della FISE le autorizzazioni a montare di secondo grado di salto ostacoli (o similari nelle varie discipline) per Children e Junior/IMPEGNO RISPETATTO

Delibera n. 132 del 20 febbraio 2017: “determinare a costo zero il rinnovo dell’autorizzazione a montare di secondo grado (tutte le discipline) per gli atleti Junior e Children”.

 

  • a carico FISE le autorizzazioni a montare di tutti i cavalieri e il rinnovo delle iscrizioni dei cavalli che hanno partecipato l’anno precedente a Olimpiadi, Campionati mondiali o europei e Coppe delle Nazioni o gare similari in discipline olimpiche o FEI come titolari o riserva e per i primi tre classificati dei campionati italiani di categoria/IMPEGNO RISPETTATO

Delibera n. 132 del 20 febbraio 2017: “determinare a costo zero il rinnovo dell’autorizzazione a montare di tutti i cavalieri (e il rinnovo delle iscrizioni dei relativi cavalli) che hanno partecipato nell’anno 2016 a Olimpiadi, Campionati Mondiali o Europei e Coppe delle Nazioni o gare similari in discipline olimpiche o FEI come titolari o riserva, e dei primi tre classificati dei Campionati Italiani Assoluti di categoria di tutte le discipline”.

 

  • eliminazione della tassa sulle sponsorizzazioni (FISE)/IMPEGNO RISPETTATO

Delibera n. 132 del 20 febbraio 2017: “determinare a costo zero la tassa sulle sponsorizzazioni dei cavalieri e prevedere 30€ per i diritti di segreteria”.

 

  • eliminazione del costo di registrazione in FISE dei passaggi di proprietà già registrati in anagrafe BDE/IMPEGNO RISPETTATO

Delibera n. 132 del 20 febbraio 2017: “determinare a costo zero i passaggi di proprietà dei cavalli già registrati in anagrafe Banca Dati Equina”.

 

  • trasparenza totale delle riunioni pubbliche di Consiglio federale e della Consulta nazionale trasmesse in streaming e archiviate sul sito federale/IMPEGNO NON RISPETTATO

Questo punto del contratto non ha avuto alcun seguito. La realizzabilità dello streaming delle riunioni di Consiglio e della Consulta è stata più volte messa in dubbio, anche durante il periodo elettorale: alcuni temi o dati non possono essere resi pubblici anche per ragioni di riservatezza.

 

  • revisione e eventuale revoca delle nomine ad istruttore “per meriti sportivi” concesse nel 2016 senza gli adeguati requisiti e titoli/IMPEGNO RISPETTATO

Delibera n. 149 del 13 marzo 2017: in questa occasione è stata revocata la nomina ad istruttore di primo livello del sig. Giovanni Impallari, il quale, però, non era stato nominato istruttore per meriti sportivi, bensì, su presentazione di Curriculum. Nessuna altra nomina ad istruttore è stata revocata.

impallari 1

Impallari 2

firma di paola

Annunci

Un pensiero su “Il contratto di Di Paola, per ora un flop. In due mesi realizza solo il 60% delle promesse.

  1. Pingback: Marco Di Paola e i primi 7 mesi di presidenza. - Riders Equestrian Family

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...