Il contratto di Di Paola, #flop: in tre mesi realizzato appena il 33% delle promesse elettorali

Il contratto di Di Paola, #flop: in tre mesi realizzato appena il 33% delle promesse elettorali

Il Presidente della FISE Marco Di Paola ha realizzato il 33% delle promesse elettorali fatte per i suoi primi 90 giorni. Sei punti in tutto, due portati a termine (eliminazione dei costi di tesseramento e del repertorio ludico-addestrativo).

Per gli altri obiettivi, si è scelto una soluzione intermedia, quella di istituire commissioni dedicate. Una soluzione all’italiana, tipica di un vecchio modo di fare politica: quando non si riesce a risolvere il problema, si moltiplicano commissioni ed organismi, senza alcuna garanzia che si arrivi poi ad una decisione, non certamente nelle scadenze prefisse, ma probabilmente neppure in tempi brevi.

90 giorni

SPORT

  • dividere i dipartimenti delle principali discipline sportive:
  1. Vertice e Crescita sportiva: per una maggior cura dello Sport che deve portare le medaglie e le vittorie nei circuiti internazionale;
  2. Amatori: per una maggior attenzione degli sportivi che fanno vivere i Circoli ippici e i Comitati organizzatori

I due settori lavoreranno in modo autonomo ma in stretto collegamento e coordinamento tra loro/IMPEGNO NON RISPETTATO

Non risultano modifiche strutturali dei Dipartimenti: sono state costituite due commissioni, per le discipline del Completo e del Dressage (ma non per il Salto Ostacoli), per lo “sviluppo della base e degli amatori”.

COMMISSIONE PER L’AREA SVILUPPO DELLA BASE E DEGLI AMATORI DEL CONCORSO COMPLETO – Delibera n. 272 del 27 marzo 2017

COMMISSIONE PER L’AREA SVILUPPO DELLA BASE E DEGLI AMATORI DEL DRESSAGE – Delibera n. 275 del 27 marzo 2017

Al momento nulla è dato sapere delle attività di tali commissioni. Da sottolineare la attuazione di “Promotion Eventing” (delibera n.273 del 27 marzo 2017) per il completo, su un progetto di Marco Salvatori, già approvato nel 2016, che ha visto la luce per la prima volta al Trekking Horse a Roma a fine aprile 2017. Al momento non si hanno notizie certe sulla realizzazione di manifestazioni analoghe.

 

SCUOLE DI EQUITAZIONE

  • istituzione di un dipartimento dedicato/IMPEGNO NON RISPETTATO

Delibera n. 226 del 27 marzo 2017: non è stato istituito un dipartimento dedicato, bensì è stata cambiata la denominazione del “Dipartimento Equitazione di Base” (già esistente) in “Dipartimento Scuole di Equitazione”.

 

  • attuazione dell’art. 16 dello Statuto per il riconoscimento delle Scuole di Equitazione/IMPEGNO NON RISPETTATO

L’articolo 16, essendo una norma statutaria, è sempre esistito. Nel programma di Di Paola, non sono indicati i passaggi tecnici per arrivare ad una maggiore valorizzazione dello stesso articolo, ma si è unicamente provveduto ad un cambio di denominazione di un dipartimento già esistente. Si è provveduto a nominare il sig. Antonio Piovan coordinatore del Dipartimento con un compenso di 12.000 euro (da maggio a dicembre 2017) più 3.000 euro di rimborsi spese.

373

 

  • eliminazione del costo di tesseramento dei cavalli o dei pony adibiti esclusivamente alla Scuola/IMPEGNO RISPETTATO 
  • eliminazione del costo del rinnovo del repertorio ludico-addestrativo per pony e cavalli/IMPEGNO RISPETTATO

Delibera n. 406 del 22 aprile 2017: “di unificare, a partire dal 1 gennaio 2018 le due tipologie di tesseramento per cavalli/pony “cavalli da Scuola” e “Ludico/Addestrativo” nell’unica tipologia “Ludico/Addestrativo”, e di determinare a costo zero la tassa relativa”

In linea teorica il punto sarebbe da considerarsi realizzato al primo gennaio 2018: il provvedimento esecutivo è comunque deliberato all’89° giorno dall’inizio del mandato presidenziale di Di Paola.

 

  • liberalizzazione dell’obbligo di segreteria FISE nelle manifestazioni ludiche regionali/IMPEGNO NON RISPETTATO

Delibera n. 372 del 22 aprile 2017: “che per l’anno in corso nelle gare locali e regionali del Settore ludico i Comitati Organizzatori possano assegnare le funzioni di Segreteria a soggetti liberamente individuati, anche se non esclusivamente abilitati al Settore ludico.
Per quanto riguarda le gare federali le Segreterie dovranno essere scelte fra quelle abilitate dalla FISE per il Settore ludico”

Da questa delibera non deriva la liberalizzazione dell’obbligo di segreteria FISE, bensì, limitatamente al 2017, come recitano le premesse, la possibilità di assegnare le funzioni di segreteria a soggetti non esclusivamente abilitati al Settore ludico.

Impraticabile affidare le funzioni di segreteria, seppure ludica, a soggetti non abilitati FISE, perché non sarebbero in grado di controllare – ad esempio – le patenti degli iscritti.

 

Per un fatto di onestà intellettuale #TEO assegna lo stesso valore percentuale ad ogni promessa elettorale alla cui realizzazione Di Paola ha legato il suo destino da Presidente: non sfugge a nessuno il diverso impatto che ciascun obiettivo ha sugli assetti delle politiche federali che riguardano gli sport equestri.

firma di paola

 

 

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “Il contratto di Di Paola, #flop: in tre mesi realizzato appena il 33% delle promesse elettorali

  1. Pingback: Marco Di Paola e i primi 7 mesi di presidenza. - Riders Equestrian Family

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...