Pratoni del Vivaro sotto indagine della Corte dei Conti.

Pratoni del Vivaro sotto indagine della Corte dei Conti.
dave-cortes-hell-boy-roto-hex

HellBoy

Non ne va dritta una all’Innominabile e alla sua ciurma di avventurieri allo sbaraglio nel mare tempestoso che sta diventando la Federazione Italiana Sport Equestri. E questa volta nel mirino finiscono i Pratoni del Vivaro, sotto indagine della Corte dei Conti. Mentre il Presidente pro tempore della Federazione gigioneggia, si fa selfie…e con il sorrisone sornione che lo contraddistingue magnifica necrologi scritti in un inglese livello CEPU 1.0 (“Eternity starts here” non ci va proprio giù…), cade un’altra tegola sulla sua gestione, nel silenzio assordante della comunicazione federale. 

Il mantra è: “Tout va très bien, Madame la Marquise!”, tradotto per chi non sapesse il francese in “Tutto va bene, Madama la Marchesa!”.

Ma perdonateci un altro delicatissimo francesismo:

CAZZO! NON VA TUTTO BENE! PER NIENTE!!!

Riportiamo per vostra conoscenza questo interessante articolo uscito su “il Segno di Rocca di Papa”, a firma di Andrea Sebastianelli. Sembrerebbe proprio che il Sindaco di Rocca di Papa e l’Innominabile si “siano trovati”. Anche il Sindaco secreta le comunicazioni

Per chi volesse un brevissimo riassunto dell’articolo che segue: da quanto risulta dalla convenzione tra Demanio e il comune di Rocca di Papa risulterebbe che il Comune, nel momento in cui non costituisse la società di scopo con la FISE (potete leggere cliccando

qui

il post di TEO sull’argomento) per la gestione dei Pratoni, entro i termini stabiliti – termini di fatto scaduti il 31 gennaio scorso – perderebbe la disponibilità dei Pratoni stesso. Ciononostante sempre il Sindaco del Comune di Rocca di Papa ha deliberato la attribuzione a tutto il 2019 dei Pratoni alla FISE in data 29 aprile 2019, quando tali termini sono già largamente scaduti, e in piena indagine da parte della Corte dei Conti.

Complimenti vivissimi a tutti!

Schermata 2019-05-22 alle 16.50.49.png

Di seguito il testo dell’articolo, a cura di Andrea Sebastianelli, sopra riportato in foto.

“La Corte dei Conti ha scritto due lettere al sindaco di Rocca di Papa contestando alcuni aspetti riguardanti la gestione del centro equestre del Vivaro. Mentre la prima lettera, datata 21 gennaio 2019, si limitava a chiedere una relazione dettagliata sullo stato di attuazione del progetto, quella del 14 marzo scorso (stando a fonti interne alla Fise) toc- cava tre punti molto precisi su cui la magistratura contabile vuole vederci chiaro: il primo riguarda l’effettiva manutenzione del centro; il secondo la mancata costituzione della società di scopo tra Comune e Fise; il terzo le somme versate all’Accademia Caprilli fino a oggi (circa 200.000 euro all’anno).

Sull’argomento è intervenuto anche il consigliere d’opposizione Lorenzo Romei che durante la seduta del 18 aprile ha rivelato che la Società di scopo, non è stata “realizzata nei tempi previsti dall’accordo (cioè entro 6 mesi dal trasferimento della proprietà al Comune, avvenuta il 31 luglio 2018) motivo per cui è plausibile ritenere che, al di là degli annunci altisonanti del sindaco di Rocca di Papa, sia decaduta l’intera convenzione con la Fise centro Federale CEF e la conseguente assegnazione al Comune dell’intero complesso”. Infatti il protocollo d’intesa, deliberato dal consiglio comunale il 30 luglio 2018, stabilisce all’art. 3 punto 3 che“il Comune di Rocca di Papa e la Fise si impegnano reciprocamente a costituire per la gestione dell’ex centro equestre federale dei Pratoni del Vivaro una società di scopo a responsabilità limitata”. Al punto 4 si chiarisce che “la società di scopo dovrà essere costituita entro 6 mesi dal trasferimento in proprietà dall’Agenzia del demanio al Comune di Rocca di Papa dell’ex centro equestre federale dei Pratoni del Vivaro. Ma l’interesse della Corte dei Conti si concentra soprattutto sull’art. 4 punto 2 del protocollo d’intesa, in cui c’è scritto che: “in caso di mancata costituzione della società di scopo nel termine di cui all’art. 3 punto 4 (cioè entro 6 mesi dal subentro del Comune, n.d.d.) il presente protocollo cesserà di avere ogni efficacia nei confronti di tutte le parti. Cioè, detto in parole povere: senza la società di scopo la convenzione decade! Essendo il Comune entrato in possesso del bene il 31 luglio 2018, i sei mesi sono scaduti lo scorso 31 gennaio senza che la società sia stata costituita.

Purtroppo le due lettere della Corte dei Conti, stando a quanto riferito da Lorenzo Romei in consiglio, sarebbero state secretate dal sindaco, comprese le eventuali risposte inviate dal Comune. L’unica cosa che sappiamo è che malgrado l’indagine condotta dalla magistratura contabile, pochi giorni fa (il 29 aprile) la giunta ha deliberato di prorogare a favore della Fise la gestione del centro fino a tutto il 2019. 

L’ultimo aspetto da chiarire riguarda l’utilizzo dei soldi versati all’Accademia Caprilli, 200.000 euro all’anno. Considerato che l’Accademia gestisce il centro dal 2016, vuol dire che si sta parlando di una cifra tra i 500 e i 600 mila euro. Come sono stati spesi questi soldi? Lo vuole sapere a ragione la Corte dei Conti visto che si sta parlando di contributi pubblici. L’altra domanda che ci facciamo è: come sono state gestite le assunzioni del personale da impiegare nel centro del Vivaro da parte dell’Accademia Caprilli? Sono stati fatti dei bandi pubblici? Oppure la scelta è avvenuta per chiamata diretta? E il sindaco di Rocca di Papa che ruolo ha giocato in questo delicato settore?”

I commenti non servono.

hb

Annunci

A.G.C.M. rinvia la chiusura della fase istruttoria: una Piazza di Siena all’insegna dei selfie e delle pacche sulle spalle per l’Innominabile.

A.G.C.M. rinvia la chiusura della fase istruttoria: una Piazza di Siena all’insegna dei selfie e delle pacche sulle spalle per l’Innominabile.

Si dovrà attendere ancora poco meno di un mese per conoscere le sorti della F.I.S.E. targata “Innominabile”: il nostro è riuscito a garantirsi una Piazza di Siena tranquilla e serena, ottenendo una proroga della fase finale dell’istruttoria dal 21 maggio 2019 al 17 giugno p.v..

Chi non sapesse di cosa stiamo parlando, clicchi QUI.

Sarebbe stato effettivamente imbarazzante per il Presidente pro tempore della Federazione Italiana Sport Equestri essere al centro del circo mediatico di Piazza di Siena e dover spiegare – magari all’Icardi della situazione in diretta televisiva – le ragioni per cui la F.I.S.E. fosse stata condannata al pagamento di una sanzione amministrativa milionaria, a causa della politica spregiudicata e vessatoria messa in atto dalla dirigenza federale, che ha portato l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a prefigurare il reato di abuso di posizione dominante.

WhatsApp Image 2019-05-16 at 14.05.33.jpeg

Tant’è! Mentre l’Innominabile si fa i selfie insieme al Ministro Matteo Salvini a Piazza di Siena – forse convinto di aver vinto il concorso “Vinci Salvini” – a chi gli chiede qualcosa in merito al procedimento A.G.C.M. in corso, si limita a rispondere: “Pagheremo la multa…”, forse dimenticandosi che, sanzioni amministrative a parte che potrebbero variare da un milione e mezzo a 8 milioni “e spingi”, secondo i calcoli fatti leggendo il documento A.G.C.M., F.I.S.E. si ritroverà quasi sicuramente a dover risarcire in sede civile i soggetti che hanno promosso l’azione dell’Autorità Garante: ASI, GIA e SEF.

WhatsApp Image 2019-05-20 at 15.39.24.jpeg

…un milione qui…un milione là…un milione lì…praticamente chi si tessera alla F.I.S.E. contribuisce a pagare i casini che combina l’Innominabile: forse è per questo che lo slogan di Piazza di Siena 2019 “Eternity starts here” – pare – fortemente voluto dal Presidente stesso – rievoca necrologi o epitaffi in inglese maccheronico…Lui stesso è consapevole che sta seppellendo la Federazione sotto una montagna di debiti, che in confronto Croce e Paulgross paiono dei dilettanti allo sbaraglio.

p.s. – noi – non ce ne vogliate male – quando vediamo quello spot del concorso ippico di Villa Borghese, tocchiamo ferro. E testimoni giurano di aver visto un gatto nero (castrato) che portava le zampe in posizione inequivocabile alla vista di quella scritta.

gf