Commissariamento Regione Sicilia – Le bugie hanno le gambe corte.

Commissariamento Regione Sicilia – Le bugie hanno le gambe corte.
croppedimage182190-superpippolist

Super Pippo

“Dai, Dottor Landi, (attuale commissario della Regione Sicilia) che tra poco tornerà a casa. Ancora un po’ di pazienza…e mi raccomando, verifichi bene la storia dei 5.000, che non ci ha fatto una bellissima figura da quello che risulta dalla chiusura delle indagini della Procura.”.

Questo dicevamo nel precedente post di #TEO. Lo potete leggere cliccando qui.

Schermata 2019-07-22 alle 17.50.55

Di seguito il “buon” commissario della Regione Sicilia, Domenico Landi, già Senior Manager Fiscal Affairs di Alitalia (e poi ci stupiamo che Alitalia….vabbè, questa è un’altra storia) proseguiva con le seguenti affermazioni:

Schermata 2019-07-24 alle 15.19.18.png

Lettera Brevimanu.jpg

Ecco…la Gorgone, passateci il termine si è un attimo inca**ata…e ha fatto ciò che riteneva giusto: ha scritto! Non ce ne voglia la signora in questione, se diffondiamo la sua missiva. Al solito riceviamo moli impressionanti di documenti dalla Federazione, che continua imperterrita ad avviare indagini interne, per scoprire le “talpe”, dimenticandosi che esiste una modalità che si chiama brevi manu (attenzione, è latino, non è una parolaccia, e non ci sono riferimenti sessuali di alcun genere, n.d.r.).

Ecco di seguito la lettera: abbiamo rinunciato a sottolineare le parti cruciali, perchè la lettera è CRUCIALE in ogni parola, punteggiatura compresa, che è scritta.

WhatsApp Image 2019-07-23 at 16.41.39pag. 2

Schermata 2019-07-24 alle 18.14.45.png

Le accuse mosse dalla Gorgone sono gravissime e siamo portati a ritenere che siano state ampiamente circostanziate: non pubblichiamo gli allegati, perchè non lo riteniamo  opportuno.

In sintesi, anche se vi consigliamo di leggere attentamente la missiva:

  • Domenico Landi ha rilasciato dichiarazioni “NON CORRISPONDENTI AL VERO” nel corso dell’audizione tenuta innanzi al Procuratore Generale dello Sport, del Procuratore federale (F.I.S.E.) e del sostituto Procuratore;
  • L’aver rilasciato dichiarazioni “NON CORRISPONDENTI AL VERO” è fatto gravissimo, visto e considerato che Landi ricopre il duplice ruolo di responsabile amministrativo della Federazione Italiana Sport Equestri e di Commissario del Comitato Regionale Sicilia;
  • Nel 2018 la Gorgone non ha neppure raggiunto la soglia dei 5.000 euro, come invece dichiarato dal buon Landi;
  • Alla luce di quanto esposto, considerando lesive della sua persona le affermazioni rilasciate da Landi, la Gorgone si appresta ad adire alle vie legali, se entro 7 giorni, e il Segretario Generale Simone Perillo e il Responsabile Amministrativo Domenico Landi non provvederanno a rettificare le summenzionate affermazioni.

Schermata 2019-07-24 alle 17.56.48.png

Quest’uomo qui su, al secolo Dott. Domenico Landi, Responsabile Amministrativo Della Federazione Italiana Sport Equestri, nominato dalla dirigenza innominabile, amico personale del Segretario Generale Simone Perillo, di provenienza Alitalia, anche lui del “gruppo Montezemolo”, di cui fanno parte anche lo stesso Perillo e il Consigliere Ettore Artioli, percepisce uno stipendio di 5.729,68 euro al mese. Così, giusto per la cronaca…cui si aggiunge un premio annuo di produzione di 7.999,23 euro all’anno (delibera n. 671 del 2 luglio 2018…noi ce l’abbiamo…voi…cercatevela!).

…not bad…

fede

sp

Annunci

Esce circolare 18 della Agenzia delle Entrate: Di Paola fa il fenomeno e millanta meriti non propri.

Esce circolare 18 della Agenzia delle Entrate: Di Paola fa il fenomeno e millanta meriti non propri.
dave-cortes-hell-boy-roto-hex

a cura di HellBoy

Non c’è limite alla fenomenologia del Presidente pro tempore della F.I.S.E.: nell’ultimo periodo poi, pare scatenato nel lanciarsi senza paracadute (anche politico) in dichiarazioni pubbliche imbarazzanti, puntualmente e senza filtro riportate dal solerte Ufficio Stampa della Federazione, o pubblicate sul suo profilo pubblico social.

Oggi, in occasione della pubblicazione da parte della Agenzia delle Entrate della Circolare 18 :”Questioni fiscali di interesse delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche di cui all’articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, emerse nell’ambito del Tavolo tecnico tra l’Agenzia delle entrate ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano.” si è superato!  

Clicca sulla seguente scritta: Circolare n. 18, se vuoi conoscere i contenuti della Circolare.

DSC_0744E’ stato pubblicato sul sito web federale un comunicato stampa con questa sua dichiarazione: “Questa circolare [omissis] rappresenta il primo gradino di un nostro impegno per una chiarezza nei rapporti con l’Agenzia delle Entrate in occasione di eventuali accertamenti.[omissis]. Voglio rivolgere un sentito ringraziamento a tutti i componenti del tavolo tecnico per aver ascoltato le richieste della nostra federazione ed avere chiarito finalmente una situazione che ha creato negli anni diversi problemi ai nostri enti affiliati”.

Potete leggere il testo del Comunicato sul sito federale, cliccando qui.

Pres.-Marco-Di-Paola.jpgmillantare v. tr. [der. di millanta; propr. «amplificare ingrandendo di mille volte»]. – Vantare con molta esagerazione: m. le proprie ricchezze, i proprî meriti, le proprie prodezze, la nobiltà della propria famiglia, ecc.; o fingere per vanteria cose non vere: m. protezioni, conoscenze altolocate, ecc. [TRECCANI]

Ebbene sì…il Presidente pro tempore della F.I.S.E. ha millantato meriti non ascrivibili né a sé né alla commissione fiscale da lui costituita in Federazione, composta tra gli altri dal Consigliere D’Oria, dal Dottor Truppa e dal Dottor. Altobelli.

In primo luogo, i contenuti della circolare sono frutto di un lavoro quinquennale della Commissione Fiscale nominata da Giovanni Malagò nel 2013 e presieduta dal Dott. Andrea Mancino: la Circolare 18 non riguarda solamente la F.I.S.E.: è un documento di 79 pagine che affronta le tematiche più disparate all’interno del mondo dell’associazionismo sportivo…a 360 gradi. 

In secondo luogo, carissimo Marco Di Paola, noi di #TEO, tutti insieme appassionatamente, vorremmo dirti che avresti almeno dovuto controllare i comunicati stampa emessi dalla F.I.S.E., poiché il 15 gennaio 2017 il tuo predecessore (pro tempore pure lui) aveva già comunicato la notizia sul sito federale…sembra proprio, Di Paola, che Tu sia arrivato con più di un anno e mezzo di ritardo, ma soprattutto ti sia dimenticato di cancellare le tracce.

Potete leggere il comunicato del gennaio 2017, cliccando, prima che qualche solerte adepto di Di Paola lo cancelli, cliccando QUI!

Noi nel dubbio lo abbiamo fotografato e lo riportiamo qui sotto. Non si sa mai.

orlandi 1

Orlandi 2.jpeg

fede.jpeg

Galoppatoio di Villa Borghese: quanto ci costi!!!

Galoppatoio di Villa Borghese: quanto ci costi!!!

Proprio ieri, 30 marzo alle ore 12:00, sono scaduti i termini per la manifestazione di interesse alla procedura negoziata per realizzare il campo in sabbia del Galoppatoio di Villa Borghese, campo sul quale si svolgeranno la gare nazionali e circa la metà delle categorie dell’internazionale di Piazza di Siena a fine maggio prossimo. 

La Federazione, il 15 marzo, pubblicò sul sito federale l’avviso di indagine di mercato per la realizzazione del campo in sabbia del Galoppatoio, unitamente ai dettagli tecnici, consultabili online al seguente link:

https://www.fise.it/federazione/trasparenza/category/586-cig-7420849651-realizzazione-di-un-campo-di-gara-nell-area-del-galoppatoio-di-villa-borghese-piazza-di-siena.html

FISE galo.png

L’importo dei lavori è stimato in 100.000 euro al netto di IVA, e si intende per la realizzazione del campo in sabbia del galoppatoio di Villa Borghese, per una superficie di 100 x 50 m.

L’area del Galoppatoio di Villa Borghese è di proprietà del Comune di Roma, e nel febbraio del 2005, gli impianti sportivi sussistenti sulla superficie vennero concessi al canone ridotto di € 2.770,80 all’anno alla Associazione Sportiva Centro Ippico Galoppatoio di Villa Borghese, nella persona del Presidente e Legale rappresentante Bruno Cesarini. Di seguito allegato il Disciplinare della concessione, che entra nei dettagli tecnici.

DISCIPLINARE GALOPPATOIO VILLA BORGHESE

Oggi la Associazione Sportiva Centro Ippico Galoppatoio di Villa Borghese non esiste più. Nel gennaio 2018 si è insediato un nuovo soggetto giuridico, che ha richiesto la prima affiliazione alla Federazione Italiana Sport Equestri: GALOPPATOIO DI VILLA BORGHESE S.S.D. A R.L., rappresentante legale non più Bruno Cesarini (nel consiglio della società), bensì Elisabetta Altigieri.

Una Elisabetta Altigieri sorridente, mentre firma l’accordo di collaborazione con Marco Di Paola, il tutto sotto lo sguardo attento di Diego Nepi, è stata ritratta in una foto sulla pagina Facebook della Federazione Italiana Sport Equestri.

galoppatoio.png

Diversi punti hanno lasciato perplessi noi di #TEO: senza voler entrare in dettagli molto tecnici che annoierebbero il lettore, e per cui sicuramente la Federazione, il CONI e il Comune di Roma avranno trovato o troveranno una soluzione, evidenziamo due criticità:

  • il 15 marzo la F.I.S.E. pubblica l’avviso di una indagine di mercato per la realizzazione di un campo in sabbia su una superficie che non solo non è di sua proprietà, ma addirittura è in concessione ad un soggetto terzo (peraltro il soggetto concessionario originario è differente dall’attuale); soggetto terzo – GALOPPATOIO DI VILLA BORGHESE S.S.D. A R.L. – che si è affiliato per la prima volta alla F.I.S.E. da meno di due mesi, dichiarando la disponibilità esclusiva degli impianti (requisito necessario per la affiliazione, ivi compreso il campo oggetto dell’indagine di mercato).
  • la Federazione praticamente rifà a spese dei tesserati (€ 100.000 + IVA) il campo in sabbia di una società sportiva neo affiliata (opzione A); in alternativa spende una cifra analoga, per allestire un campo su cui comunque si devono svolgere anche categorie internazionali di un CSIO, prevedendo di poterlo rimuovere al termine della manifestazione (ipotesi B); oppure rimuovere il materiale e acquistare lo stesso per portare il materiale ai Pratoni del Vivaro (ipotesi C).

pratoni.png

Ci sembra un modo molto strano di gestire una procedura negoziata: sono ancora in corso delle trattative con il Comune di Roma. A meno di due mesi dall’evento, quindi, le carte non sarebbero ancora in regola. Non stupisce che enti che si preoccupano della tutela del patrimonio cittadino romano, come Amici di Villa Borghese, siano così “agitati” e chiedano insistentemente chiarimenti, che naturalmente non arrivano.

Il desiderio del Presidente Di Paola è di trasformare lo CSIO di Roma in un evento che produca reddito invece che perdite, ma al momento gli investimenti si stanno rivelando altissimi e alcune spese, come questa. parrebbero eccessive: per raggiungere il pareggio di bilancio – obiettivo della edizione 2018 – le risorse di Rolex non saranno probabilmente sufficienti.

Sicuramente quest’anno per veder lo CSIO ci sarà una biglietteria ben costosa. Non sarà più la Piazza di Siena di tutti.

tl

Possono essere iscritti nei ruoli federali F.I.S.E. cavalli D.P.A.? SI’!

Possono essere iscritti nei ruoli federali F.I.S.E. cavalli D.P.A.? SI’!

Il vice presidente Giuseppe Bicocchi, e a questo punto anche gli allevatori (sicuramente non tutti, ma alcuni sì), possono dormire sonni tranquilli. I loro puledri D.P.A. possono essere iscritti ai ruoli federali F.I.S.E. senza alcun problema. 

Ciò per gli allevatori sta a significare che:

  • aliquota IVA del cavallo al 10% al momento della vendita, seppure già in età da attività sportiva;
  • se non salta lo si può mangiare.

Affermazioni molto forti, ma tanto traspare “unendo i puntini” della normativa sui cavalli D.P.A., così come risulta in seguito alla approvazione del libro I, alla circolare attuativa 01/2018 e al chiarimento reso dal Segretario Generale, riportato di seguito.

5e37cc2c-0580-4ff2-b33c-f21592ddbc2a

La circolare attuativa 01/2018, uscita il 19 febbraio è molto chiara in proposito.

circolare

Un puledro in doma in un allevamento NON sta svolgendo una attività gestita da un ente affiliato o aggregato F.I.S.E., perchè gli allevamenti tali non sono. Da ciò si desume anche che la doma del puledro non è considerata attività sportiva! Quante cose che si imparano sulla filosofia equestre di questa dirigenza.

Avanti così!

mm

Silence, please!

Silence, please!

Dipendenti e/o collaboratori e/o soggetti che rappresentano la federazione…SILENCE, PLEASE!

lettera.jpeg

DIPENDENTI E/O COLLABORATORI E/O SOGGETTI CHE RAPPRESENTANO LA FEDERAZIONE…SILENCE, PLEASE!

…ah, già…il Segretario Generale è intervenuto ieri su Facebook, per chiarire che Piazza di Siena si farà sul campo in erba. Noi, per sicurezza abbiamo fatto una foto ricordo (non del Segretario, ma del suo commento), in attesa di maggio.

perillo.jpeg

Pensiamo proprio che il Segretario Generale non interverrà più sui social, pur ritenendo che dopo aver visto il Presidente digitare ad ogni piè sospinto ovunque su internet, il Dottor Perillo abbia pensato di fare cosa buona e giusta dando il proprio contributo “social”  mentre il Presidente stesso è in ferie.

E adesso? Lui qui sotto, cosa farà? Dal 2018 prende anche un lauto stipendio………ed è a tutti gli effetti un collaboratore della F.I.S.E. stipendiato. Ma soprattutto: se parlerà, che punizione gli riserverà il Presidente pro tempore Marco Di Paola?

palmone

gc

FITETREC-ANTE e A.S.I. firmano una convenzione quadro. E la F.I.S.E.?

FITETREC-ANTE e A.S.I. firmano una convenzione quadro. E la F.I.S.E.?

Stamane, in Viale Tiziano 74 a Roma, nell’ambito di un incontro sulle nuove disposizioni in tema di trasporto cavalli organizzato da Fitetrec-Ante, verrà firmato un accordo quadro tra Fitetrec Ante e A.S.I. Sport Equestri.

“Si tratta di un importante momento di convergenza tra le attività del settore Sport Equestri di ASI e quelle della Fitetrec-Ante, nell’ambito del quale i due importanti soggetti sportivi hanno posto al centro dell’attenzione le esigenze dei rispettivi tesserati e affiliati.”

new-header1

c9e8d9069e929f4898939a62f1adcffd_S

Queste sono le parole che chiudono il comunicato stampa uscito in merito alla convenzione alla firma proprio in questi minuti.

E la F.I.S.E.?

La F.I.S.E. rimane a guardare, dopo che:

  • il Presidente Marco Di Paola ed il Segretario Simone Perillo hanno “smontato” l’accordo quadro di F.I.S.E. con Fitetrec, promosso dalla gestione Orlandi, che avrebbe dovuto portare prima ad una confederazione e poi ad una federazione unica;
  • il Presidente ha rimediato: 1) una gaffe istituzionale nell’ambito della Fieracavalli di Verona, arrogando a F.I.S.E. le competenze di Fitetrec; 2) una “tirata d’orecchie” a livello internazionale;
  • il Presidente ha ricevuto una diffida da A.S.I., nella persona del Presidente Claudio Barbaro, a non divulgare informazioni false circa le competenze di A.S.I. e ls polizze assicurative.

Ad maiora.

p.s. . rileva il fatto che in Viale Tiziano 74 si tenga un INCONTRO organizzato da FITETREC ANTE sulle nuove disposizioni in MATERIA DI TRASPORTO DI CAVALLI. Al momento sul fronte F.I.S.E., risulta l’invio di lettere al Ministero per l’apertura di tavoli di lavoro. Ma codesti tavoli non risultano ancora aperti. Forse meglio pensare a qualcosa di più pratico.

Stop a pagamento straordinari in FISE: una lettera per capire.

Stop a pagamento straordinari in FISE: una lettera per capire.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

“Tutti a parlare male dei dipendenti… vedranno quando chiederanno le cose urgenti ai comitati regionali, dove non ci sono risorse in esubero, e non avranno risposte immediate o passaporti pronti in meno di 5 minuti… oppure quando arrivano alle 16 e io mi alzo e dico che non posso restare per fare il suo passaporto perchè non posso fare straordinari quindi devo andarmene e timbrare entro pochi minuti dalla fine del mio orario… che belle cose…  tutti pensano che gli straordinari si fanno per guadagnare di più, invece c’è gente che gli straordinari li fa per portare a termine i lavori quotidiani e per risolvere i casini e le emergenze dell’ultimo secondo che gli equiappassionati si inventano ogni giorno…”