F.I.S.E. chiama, #TEO risponde. “Vero che…?”

F.I.S.E. chiama, #TEO risponde. “Vero che…?”

Da circa un paio di mesi, noi di #TEO stavamo valutando l’ipotesi di terminare l’esperienza di “The Equestrian Observer”. Ci eravamo resi conto di quanto fosse inutile evidenziare storture, incongruenze o anomalie…o semplicemente fare “controinformazione”, in un contesto che, appiattendosi si sta rassegnando al fatto che comunque la prossima espressione di voto avverrà nel 2020.

La nostra politica di dare spazio ai fatti, fino ad oggi, è stata premiante. Non sta a noi ricordare le vicende portate alla attenzione dei nostri lettori, che poi, verificate, si sono rivelate veritiere, e hanno dato seguito – o no, a seconda di chi riguardassero – a sanzioni e/o correzioni. Prima di scrivere un post ci poniamo delle semplici domande, a cui è possibile rispondere solamente con VERO o FALSO, oppure SI’ o NO. Cerchiamo di non dare spazio al colore grigio. Dove non arriviamo noi, giriamo la questione ai nostri interlocutori, che possono essere i nostri lettori, o la Federazione stessa, che più volte ha risposto.

Ciononostante, fino a stamane, eravamo oramai convinti di chiudere il nostro blog, terminata la imminente edizione di Piazza di Siena.

Nella mattinata odierna è stata pubblicata la delibera n. 406 del 9 aprile 2018 (con un severo ma giusto ritardo di 20 giorni dal Consiglio Federale).

Questa delibera ci ha restituito voglia di fare, e di approfondire, perchè troviamo assolutamente surreale che una Federazione si preoccupi di avviare una azione legale, a spese dei tesserati, semplicemente perchè un piccolo blog come il nostro ha posto delle domande assolutamente lecite.

teo.png

La F.I.S.E. dà incarico al Presidente pro tempore Marco Di Paola di individuare ed incaricare un legale per la tutela della Federazione in sede civile e penale, nei confronti delle persone ritenute responsabili dei fatti, ritenendo quanto indicato in premessa una attività diffamatoria nei confronti della Federazione stessa.

I Soggetti indicati in premessa sono, in ordine di apparizione:

  • The Equestrian Observer;
  • La Clubhouse;
  • l’Avv. Vincenzo Giardino;
  • l’Avv. Fabrizio Cacace;
  • Paolo Pomponi.

L’oggetto della “attività diffamatoria” sarebbe legato alla figura dell’Avvocato Alessandra Bruni, oggetto di alcuni post di #TEO, dei quali riportiamo i link di seguito:

19 Gennaio 2018: Presidente Corte d’Appello Federale tesserata F.I.S.E.: il Regolamento di Giustizia lo vieta. Ora che succede?

20 Gennaio 2018: Corte d’Appello Federale: 11 sentenze annullabili?

21 Gennaio 2018: F.I.S.E. smentisce #TEO (e2!)…#TEO rilancia.

26 Gennaio 2018: Caso Alessandra Bruni – C’è un precedente: Avvocato Guglielmo Moroni.

6 Febbraio 2018: Caso Alessandra Bruni – La strana storia di Fabrizio Cacace.

6 Febbraio 2018: Dillo a #TEO – L’avvocato Cacace ci scrive.

7 Febbraio 2018: “FISE” su Facebook: Cacace dimissioni spontanee: #TEO dimostra, carte alla mano, che la verità è un’altra.

Ci siamo limitati ad esporre i fatti e a porre delle domande più che lecite, anche attraverso i titoli dei post. Di seguito ci apprestiamo a fare l’elenco dei “Vero che” a cui ci siamo sottoposti, prima di scrivere.

  • Vero che l’Avvocato Alessandra Bruni è stata nominata Presidente della Corte Federale d’appello il 5 Maggio del 2017, unica new entry negli organi di giustizia federale, così come nominati in sede di Consiglio F.I.S.E. il 22 aprile 2017?

VERO

  • Vero che l’avvocato Alessandra Bruni è tesserata in F.I.S.E. sia con patente ludica (rinnovo 17 marzo 2017), che come proprietaria (data versamento: 22 novembre 2017);

VERO

  • Vero che Alessandra Bruni è madre di due giovani amazzoni, Ludovica e Costanza, entrambe tesserate F.I.S.E.;

VERO

  • Vero che Ludovica Manzoli, la prima figlia,  monta nelle fiamme azzurre ed è stata beneficiaria di una delle borse di studio F.I.S.E. accordate per la disciplina del completo;

VERO

  • Vero che Costanza Manzoli, la seconda figlia, monta presso la Scuderia C & G (“C” sta per Cianfanelli, e “G” sta per Girardi) strutture di proprietà del Direttore Sportivo della F.I.S.E., Francesco Girardi, Maresciallo dell’aeronautica militare.

VERO

Dopo di che ci siamo preoccupati di porre a nostra volta delle domande ai nostri lettori interlocutori, facendo delle dovute premesse, che riportiamo virgolettate, estratte dal primo articolo sul CASO ALESSANDRA BRUNI, datato 19 gennaio 2018.

“Evitiamo di lanciarci in dissertazioni sull’eventualità di rilevare qualsiasi fattispecie di conflitto di interessi, poiché ci sta già pensando l’attuale dirigenza federale con poco successo.

Emergono pochi, ma importanti quesiti (cerchiamo di evitare qualsiasi forma di retorica, anche se le risposte sembrano già scritte):

  1. E’ valida la nomina e di conseguenza la posizione della Presidente della Corte Federale d’Appello, Avvocato Alessandra Bruni, vista la aperta violazione del comma 3 dell’articolo 22 del Regolamento di Giustizia Federale?
  2. Essendo già tesserata all’epoca della nomina, come è possibile che nessuno abbia verificato?
  3. Nel momento in cui la nomina non fosse valida, e quindi venisse revocata (sembra impossibile sanarla) verranno annullati tutti i procedimenti della Corte d’Appello Federale, o solamente quelli in cui l’Avvocato Alessandra Bruni è stata anche relatore (da un veloce controllo, solo due sembrerebbero: Uberto Lupinetti e Paolo Pomponi)?

Questi sono argomenti che lasciamo con piacere ai legali che hanno avuto a che fare con codesta Corte Federale d’Appello: sicuramente gli scenari che si aprono nell’immediato futuro non saranno per nulla lineari.”

Nei post seguenti – elencati ut sopra – abbiamo posto altre problematiche, ed evidenziato due precedenti, nelle persone dell’Avvocato Guglielmo Moroni e dell’Avvocato Fabrizio Cacace.

  • Vero che con la decisione del Giudice Sportivo Nazionale del 14 febbraio 2014, riguardante l‘Avvocato Guglielmo Moroni, già Presidente della Commissione Federale d’Appello F.I.S.E., nominato nel dicembre 2012, è stata comminata la censura a Moroni, in quanto tesserato e Presidente di un centro affiliato?

VERO

  • Vero che il 25 marzo 2015 Fabrizio Cacace viene nominato come membro effettivo del Tribunale Federale della F.I.S.E. con delibera federale del Commissario Ravà n. 215?

VERO

  • Vero che il 24 aprile 2015 il Presidente della F.I.S.E. Vittorio Orlandi, presentata istanza, atta a verificare la compatibilità tra la posizione di membro del Tribunale Federale e tesserato della F.I.S.E.?

VERO

  • Vero che il 25 maggio 2015  Fabrizio Cacace è convocato in Commissione Federale di Garanzia  alle ore 13:00, per discutere il caso?

VERO

  • Vero che il 25 maggio 2015 Fabrizio Cacace si dimette, in seguito alla riunione?

VERO

Da qualsiasi angolazione la si guardi, a tutt’oggi, noi di #TEO siamo convinti che la posizione di Alessandra Bruni nelle funzioni di Presidente della Corte Federale d’Appello della F.I.S.E. sia discutibile, alla luce dei precedenti, e alla luce della normativa, ma allo stesso tempo siamo sicuri e certi di non aver esercitato alcuna attività diffamatoria, nei confronti della stessa, né tanto meno della Federazione. 

La nostra sicurezza è data dal fatto che #TEO lascia parlare i fatti!

gc

gf

ks

mm

sp

tl

vk

 

Annunci

D.P.A. – Si’? No? Forse? Ma, però…?

D.P.A. – Si’? No? Forse? Ma, però…?

Imbarazzanti i contenuti del comunicato stampa odierno, apparso sul sito federale. Metà del testo non fa altro che spostare l’attenzione del lettore da quello che è il fulcro centrale del problema: di fatto la F.I.S.E. con il nuovo regolamento, apre le porte ai cavalli D.P.A.. Nella parte centrale, vengono disconosciute le normative precedenti; il finale, di natura altamente emozionale, esprime con malcelato distacco l’amore di questa dirigenza per i cavalli.

E’ possibile consultare il testo del comunicato, cliccando su questo link.

A circa metà articolo, dopo l’introduzione, che prende le mosse dalla Genesi della disciplina sull’anagrafe degli equidi,  viene riportata una notizia che non corrisponde alla verità dei fatti.

dpa

Per l’ennesima volta, dall’8 dicembre a questa parte, il Presidente pubblicamente cambia versione e/o nega atti ufficiali emanati da precedenti consigli federali, e anche dalla gestione commissariale delegata dal CONI; di questo, purtroppo, riteniamo che prima o poi dovrà rispondere ai tesserati e alle istituzioni preposte. #TEO ne ha parlato in questo post di pochi giorni fa, che riportava la delibera (delibera n. 195 del 17 marzo 2015) e gli atti inerenti il recepimento e la contestuale integrazione dei “Principi di tutela degli equidi” nei regolamenti F.I.S.E..

Per Marco Di Paola questa delibera e i regolamenti annessi non esistono, non hanno valore, non essendo stati applicati in particolar modo dalla gestione federale precedente i dettami circa il divieto di cavalli DPA nei ruoli federali. Sarebbe Lui , Marco Di Paola, il primo a riempire il vuoto normativo, con una soluzione benevola e non discriminante, creata con l’aiuto dei più fidati.

LUN_4395-Di-Paola-__PhCsioRoma-MProli

ph. credits: Marco Proli

Il primo corpus di norme FISE per la tutela dei cavalli risale al 2006, quando il consiglio federale ha stabilito l’iscrizione nei ruoli FISE dei soli cavalli NON DPA. Una norma a tutela dei nostri cavalli, ma anche una tutela FISCALE e di semplificazione SANITARIA per tutti i tesserati. Chi é proprietario di un cavallo destinato al macello (DPA), o chi é prioritario di un centro che ha cavalli DPA, é infatti proprietario o gestore di un animale per la produzione di carni destinate all’alimentazione umana.
Un’identità che non ci appartiene, ma soprattutto che prevede anche la conoscenza e il rispetto di norme che hanno importanti risvolti anche penali. 

evento-coni

Per chiarezza, la norma FISE sui soli cavalli NON DPA nei ruoli federali é stata rideliberata insieme ad altre dalla gestione commissariale nel marzo 2015, nonché sottoscritta dal Ministero della Salute, dal Comitato Italiano Paralimpico e dal CONI.
É una delle norme federali più osservate, tanto che il 95% dei cavalli iscritti nei ruoli FISE é da tempo NON DPA (dato fornito dal Dipartimento Veterinario FISE e omesso dai comunicati FISE); è stata adottata anche da Enti di Promozione Spotiva come l’ASI, che tuttavia, con consapevolezza e coerenza e a tutela dei tesserati, mantiene la norma e non intende modificarla.
Esistono regioni di grande densità come il Piemonte, o più piccole come la Valle D’Aosta, che non hanno un solo cavallo DPA iscritto nei ruoli federali.

A gennaio 2018, con i rinnovi annuali dei passaporti dei cavalli presso i Comitati Regionali ed una corretta informazione, l’attuale gestione federale di Di Paola avrebbe potuto effettuare i controlli  non ancora posti in essere, così che tutti i cavalli iscritto ai ruoli federali sarebbero diventati  NON DPA; e lavorare ad ulteriori tutela loro e dei tesserati.
Diversamente, Di Paola ha stabilito di cancellare la norma che tutelava i cavalli ma anche i tesserati da multe salate e controlli, oltre che di modificare pericolosamente la nostra identità di entità e soggetti sportivi.

finale

Tasso emozionale altissimo!

#TEO continua e non smetterà mai di dire “NO AI CAVALLI DPA IN FISE”!

 

Dillo a #TEO.

Dillo a #TEO.

#Teo apre ai suoi lettori con una nuova rubrica: “Dillo a #TEO”.

Chi volesse segnalare o raccontare episodi accaduti sui campi di gara – o fuori – scriva al seguente indirizzo mail:

theequestrianobserver@gmail.com

Sarà nostra preoccupazione verificare, dati alla mano, i fatti segnalati, e, mantenendo l’anonimato dei nostri lettori, ove ne facessero richiesta, fare dei reportage su quegli argomenti.

No ai pettegolezzi, no alle dicerie, no alla delazione gratuita. Solo fatti!

Vi aspettiamo.

email-marketing

Un “Funzionamento” misterioso per i rimborsi non deliberati. Per i compensi la gestione Di Paola supera di oltre 260.000 euro quella del suo predecessore Orlandi.

Un “Funzionamento” misterioso per i  rimborsi non deliberati. Per i compensi la gestione Di Paola supera di oltre 260.000 euro quella del suo predecessore Orlandi.

I misteri del “Funzionamento“: è il nome di un capitolo di bilancio le cui voci nel dettaglio non sono pubbliche. Una scatola dove trovano spazio – oggi come ieri – quelle spese che non sono riconducibli ad altre aree di bilancio; forse anche un modo per mantenere una certa riservatezza sull’uso di determinate risorse, come alcuni rimborsi, quelli che non vengono deliberati.

Trasparenza-2-Imc

Sarebbe un segno forte di discontinuità da parte del Presidente Marco Di Paola consentire l’emersione del dettaglio del “Funzionamento”, in un’ottica della trasparenza, che finora non c’è stata.

Eppure, nonostante l’assenza di una completa informazione a riguardo, si può affermare che la gestione Di Paola ha speso oltre 260 mila euro in più rispetto a quella Orlandi, per i soli compensi erogati a dirigenti, tecnici e collaboratori.

Ad oggi i costi di alcune nomine non sono stati ancora deliberati (a titolo esemplificativo, non esaustivo, non è stato definito ancora il costo dell’incarico di Mario Giunti, Responsabile del Dipartimento Pony Club – Attività ludica): ciò sta a significare che il gap esistente tra le due gestioni non può far altro che aumentare.

Nell’analisi allegata, che potete visualizzare, cliccando sull’ultima riga di questo articolo, sono stati volutamente esclusi i rimborsi spese, per i seguenti motivi:

  • Alcuni rimborsi vengono deliberati e addebitati al dipartimento di competenza;
  • Altri non vengono deliberati, e/o vengono attribuiti al capitolo di Bilancio “Funzionamento”, non accessibile ai tesserati, e quindi neppure a #TEO.

Denezhnaya-banka

Alla luce di ciò, #TEO non sarebbe in grado di fornire ai propri lettori un dato veritiero e corretto: ci riserviamo comunque, al termine del 2017, di quantificare il totale dei rimborsi spese, come emerge dalle delibere, e di portarlo a conoscenza del nostro pubblico.

Per poter attuare il raffronto tra le due gestioni, una (Orlandi) su base annuale e un’altra (Di Paola) su 10 mesi, è stato necessario rendere omogenei gli importi. L’operazione è stata fatta applicando una proporzione del tipo:

1.000 : 10 = x : 12

x = 1000*12/10 = 1.200

dove:

x = l’importo da ricavare su base annuale (compensi gestione Di Paola)

10, 12 = il numero di mesi

1.000 = un semplice numero utilizzato, per poter completare l’esempio

 

Buona lettura!

Di Paola VS. Orlandi: Compensi su base annua a confronto